Malaria - Sensibilità - Resistenza - Meccanisimi - Patterns - Infetivologo - Infettivologia - malattie infettive - virologo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Malaria - Capitolo 2

SENSIBILITA’/RESISTENZA FARMACOLOGICA



L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce sensibile un Plasmodio quando l’infezione scompare entro 5 gg. senza evidenza di recrudescenza nel periodo di osservazione post-terapia  (emivita del farmaco).

Per Resistenza si intende la capacità del parassita di sopravvivere  e/o moltiplicarsi  nonostante la somministrazione e assorbimento di un  farmaco a dosi uguali, o anche superiori, a quelle raccomandate ma entro i limiti di tollerabilità del soggetto
Sono conosciuti vari gradi di resistenza:

Resistenza tipo  R 1
La parassitemia non è rilevabile all’esame microscopico X 2 giorni consecutivi con evidenza di recrudescenza.

Resistenza tipo  R 2
Quando si ha una marcata riduzione della parassitemia per almeno 2 giorni consecutivi (ma sempre evidenziabile) seguita dalla recrudescenza.

Resistenza tipo  R 3  
Quando il farmaco non determina un significativo effetto sulla parassitemia.


MECCANISMI DI RESISTENZA


Si verificano attraverso le mutazioni: queste possono essere spontanee (ma hanno un ruolo inferiore) o indotte dalla terapia. In quest’ultimo caso si possono verificare per diverse cause:
1) Per la presenza di popolazioni di Plasmodi a diversa sensibilità.

2) Quando la dose e la  durata del farmaco sono inadeguate.

3) Favorite da trattamenti di massa.

4) Utilizzando di farmaci a lunga emivita.

5) Migrazioni di popolazioni portatrici di plasmodi resistenti.


PURTROPPO  NESSUN FARMACO ELUDE LA RESISTENZA



Patterns di resistenza:  Plasmodium Falciparum:
La resistenza del plasmodio alla clorochina è stata sospettata per la prima volta in Tailandia nel 1957 e successivamente definita in Colombia e Tailandia nel 1960. Successivamente il fenomeno della resistenza si è diffuso ampiamente all’Asia Meridionale e al Sud Est Asiatico, all’Oceania, Bacino Amazzonico e alcune aree costiere del Sud America. In Africa la resistenza alla Clorochina è stata documentata nella Repubblica Unita di Tanzania nel 1979 e successivamente estesa nei 20 anni successivi.

La resistenza alle  associazioni Sfulfadossina/Pirimetamina si è evidenziata nel Bacino Amazzonico e in tutto il Sud Est Asiatico. In Africa Orientale i tassi di resistenza sono variabili.

Una ridotta sensibilità al chinino è stata osservata nella aree del Sud Est Asiatico e alcune aree del Sud America, mentre i ceppi di Plasmodium falciparum rimangono sensibili in Africa.

Il fenomeno della resistenza non ha risparmiato neanche farmaci più recenti come la Meflochina; il fenomeno è stato riportato soprattutto nelle aree di confine tra Cambogia, Myan Mar e Tailandia, mentre non è molto frequente nel resto del Sud Est Asiatico. Analoga resistenza è stata riportata in alcune aree del Bacino Amazzonico
(Brasile) e successivamente in alcuni Paesi Africani.

Alcune segnalazioni di resistenza sono state riportate anche per l’Alofantrina nel  Sud Est Asiatico (Thailandia) e in Africa Occidentale (Sierra Leone,Costa d’Avorio )
A tutt’oggi non sono note resistenze all’Artemisina.         


Plasmodium Vivax:
Sin dal 1990 sono stati descritti casi di resistenza alla clorochina in  Papua Nuova Guinea, Indonesia e Irian Iaya.e successivamente (anche se in numero ridotto) in alcuni Paesi del Sud America e Asiatici, anche se il fenomeno sembra essere sporadico.

Casi di resistenza alla primachina segnalati nel Sud Est Asiatico, in Papua Nuova Guinea, Borneo e Guatemala.          
                                             




Questo sito non costituisce testata giornalistica.
Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità dell’autore.
Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 7/3/2001
Data ultimo aggiornamento 01/07/2012
Contatta webmaster

 
Torna ai contenuti | Torna al menu